Quantcast

Dal Master EMBA alla Startup

Dal Master EMBA alla Startup
Lo #spiritoleader Andrea Rinaldo presenta Xmetrics

31 - 03 - 2015

E’ sensato tuffarsi dalle aule di un MBA nel mare dello startupping? È agevole riemergere con successo, senza annegare alle prime bracciate?

La metafora natatoria non è affatto casuale, e se avete visualizzato il video introduttivo l’avrete intuito. Vi presentiamo lo #spiritoleader Andrea Rinaldo, alumnus dell’EMBA MIP, e oggi CEO Xmetrics.

La genesi dell’idea è, come per le migliori invenzioni, legata a un’esigenza pratica. Tempo fa Andrea, già nuotatore professionista prima e allenatore a bordo vasca poi, si rese conto dell’assenza sul mercato di uno strumento in grado di misurare le performance dei nuotatori, tanto diffusi invece tra runners e i ciclisti.
Sviluppato come semplice project work tra i banchi del MIP, il “mini computer per nuotatori” è passato rapidamente dalle slide alla produzione in serie.
Innovits ha offerto consulenza e assistenza, ad Andrea si sono uniti Francesco Quartuccio, Stefano Perego, Davide Macagnano ed Emanuele Vazzoler, ed ecco il prodotto finito, pronto da essere testato in vasca da un testimonial d’eccezione: il campione Massimiliano Rosolino.

Di Xmetrics si parla tanto, dentro e fuori le piscine. Perché è stato finanziato anche attraverso la piattaforma di crowdfunding Indiegogo (oltre 23.000 dollari raccolti), perché è davvero un gioiellino tecnologico, e perché nasce in seno a un EMBA, in un periodo nel quale spesso si suggerisce agli startuppers di non sprecare tempo e risorse in un master, ritenuto inutile quando addirittura non dannoso per la creatività.
Ma è davvero così? Per conoscere la risposta e leggere il resto dell’ articolo clicca qui.